Qualità e Sicurezza

<p>Politica Reach</p>
<p>Politica Reach</p>
<p>Politica Reach</p>

Politica Reach

R.E.A.CH - acronimo di Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals è il regolamento europeo sulle sostanze chimiche e sul loro utilizzo sicuro. R.E.A.CH. ha sostituito molte norme comunitarie riguardanti le sostanze chimiche e svolge una funzione complementare rispetto ad altre normative ambientali e di sicurezza.

 

La nostra organizzazione ha seguito l’evoluzione e l’implementazione del Regolamento (EU) 1907/2006 REACH sin dall’inizio del suo sviluppo normativo, assumendo l’onere affidato all’industria di provare la sicurezza per la salute umana e l’ambiente delle sostanze chimiche prodotte e utilizzate nei propri processi produttivi.

 

La Direzione del gruppo ha assegnato le risorse umane e finanziarie necessarie all’implementazione del Regolamento il cui innovativo principio “no data no market” ha reso necessario un approccio multifunzionale ed integrato sia a livello centrale che periferico per garantire la continuità del business e prevenire qualsiasi criticità nei vitali processi di approvvigionamento, fabbricazione e immissione sul mercato dei prodotti siderurgici.

 

Attenzione particolare è stata rivolta ad azioni di natura strutturale e di sistema per assicurare l’integrazione dei principi del REACH nelle pratiche lavorative quotidiane. Tale obiettivo è stato perseguito monitorando il flusso di informazioni sia all'interno dell’azienda che lungo la tutta catena di approvvigionamento e con il controllo del profilo di sicurezza delle sostanze utilizzate nei processi di produzione, promuovendo dove necessario la ricerca e lo sviluppo di soluzioni tecnologiche alternative.
La natura stessa del nuovo Regolamento, strumento normativo cogente in tutti gli stati dell’Unione, ha richiesto nei confronti delle società europee del Gruppo Riva un’attività d’indirizzo e di coordinamento centrale con attenzione alle specificità dei singoli mercati e dei diversi quadri normativi nazionali di operatività. Le società del Gruppo RIVA possono rivestire contemporaneamente il ruolo di produttore, di importatore e di utilizzatore a valle di sostanze secondo i criteri stabiliti dal REACH.

 

Le società siderurgiche del Gruppo Riva sono esentate dalla registrazione della sostanza iron (Fe) n. Einecs 231-096-4 / CAS n. 7439-89-6 secondo quanto disposto dall’articolo 2(7)(d) del Reach poichè nel loro processo produttivo il rottame di ferro viene recuperato intenzionalmente alle condizioni previste dalla normativa. La sostanza infatti è già stata registrata nel 2010 in modalità congiunta dal Dichiarante Capofila e sotto la supervisione del consorzio “Iron Platform Services Ltd” (http://www.iron-consortium.org); il recupero avviene nell’Unione Europea e la sostanza recuperata nei nostri impianti di produzione ha la stessa identità chimica della sostanza già registrata con il fascicolo principale. (Per ulteriori approfondimenti su questo tema si rimanda al “Position Paper of the European Steel Industry on Steel Scrap & REACH” rilasciato da EUROFER 13/09/2010. 

Inoltre, i prodotti siderurgici delle società del Gruppo Riva rientrano nella definizione di “articolo” data dal Regolamento (Art. 3) e in particolare, l’interpretazione coerente delle linee guida dell’Agenzia ECHA sui “requisiti delle sostanze negli articoli” espresse in appendice 3, ha condotto EUROFER - l’Associazione Europea dei Produttori d’acciaio - a considerare che i prodotti siderurgici appartengono alla categoria degli “articoli senza rilascio intenzionale di sostanze” e che pertanto non necessitano di registrazione (Art. 7.1.a - Art. 7.1.b).

Il 2010 ha richiesto un considerevole impegno per la registrare entro la scadenza del 30 Novembre le sostanze prodotte e/o importate in quantitativi oltre la soglia delle 1000 tonnellate annue. Alcune fra le società del Gruppo Riva hanno registrato le scorie siderurgiche che vengono generate come sotto-prodotto della produzione dell’ acciaio da “ciclo-rottame”: più precisamente la scoria da acciaieria elettrica “Slags, steelmaking electric furnace (EAFC) n. Einecs 932-275-6” e la scoria da trattamento fuori forno, detta anche scoria secondaria “Slags, steelmaking (SMS) n. Einecs 266-004-1”. Le registrazioni sono state realizzate in modalità congiunta con la guida dei Registranti Capofila e del consorzio tedesco “Reach Ferrous Slags Consortium, RFSC” al quale le acciaierie elettriche del Gruppo sono regolarmente associate dal 2009.

 

Per quanto attiene all’obbligo di comunicare informazioni sulle sostanze presenti negli articoli previsto dall’articolo 33, confermiamo inoltre che nessuna delle sostanze altamente preoccupanti (SVHC), incluse nella lista aggiornata delle sostanze candidate all'inclusione finale in allegato XIV, è presente nei nostri prodotti in concentrazione superiore allo > 0,1 % peso/peso dell’intero articolo. Vi assicuriamo che continuiamo ad osservare l’evoluzione di questa Lista e nel caso di sviluppi rilevanti per la nostra produzione ve ne daremo immediata informazione. E’ possibile consultare in questo sito la sezione Documentazione Reach dell’entità legale di pertinenza e scaricare le relative dichiarazioni.

 

La nostra organizzazione continua a monitorare con estrema attenzione l’evoluzione del Regolamento REACH e della normativa ad esso collegata assicurando oltre al rispetto dei requisiti, la diffusione e lo scambio delle informazioni nelle proprie realtà operative e lungo l’intera catena produttiva e commerciale. Per qualsiasi ulteriore precisazione potete contattare i responsabili REACH delle società del Gruppo Riva, alla sezione CONTATTI.

Questo sito non utilizza cookies di profilazione per tracciare il comportamento degli utenti e consente l'invio di cookies di terze parti con finalità esclusivamente statistiche.
Proseguendo la navigazione o chiudendo questo banner dichiarate di accettare integralmente la nostra cookie policy.